John Stravolto (ma contento) – Stabio & NewAzzan

Fate un bagno di musica una volta o due alla settimana per alcune stagioni, e scoprirete che fa all’anima quello che il bagno d’acqua fa al corpo.
(Oliver Wendell Holmes Sr)

*******************************************************************************************************

Stabilum – Sabato

Iniziamo questo racconto del weekend catapultandoci non troppo distanti, a Stabio. La nostra casa. Un Birrino per Domarli, un aerografo per Truccarli, un corteo per Rinvigorirli e al corteo di Novazzano prepararli.

La banda di Zuko (ai posteri Tox) già posizionata vicino alla nuova e fiammante Opel “Cialello Edition” rossa fiammante scaricata in luogo dal buon Trita tramite la “Gall Big Piece of Car”.

La banda rivale, capitanata da Rizzo (non Giamma) già schierata sfoggia colori sgargianti. Ballerine che muovono gli arti come se non ci fosse un domani (ma ci sarà), Meccanici superpalestrati che mettono a punto gli ultimi ritocchi all’Auto con grossi cacciaviti (grazie Ginnastica, sempre preziosa la vostra presenza che rende i nostri cortei più speciali!).

Sarà un corteo tranquillo ma, dove già si notano, muoversi come bradipi i cosiddetti Molestatori Seriali (vedremo più sotto chi avrà l’onore di (s)fregiarsi di tale titolo….

Concerto in piazza dove confluiranno pubblico, guggen e carri invitati per l’occasione. Una gran bella festa colorata. Una sfida simbolica a suon di note e brani snocciolati in poco più di un oretta e che proseguirà nei pressi del capannone posto vicino all’Oratorio. Purtroppo la gola nel frattempo si è essiccata nuovamente e le diverse componenti abbisogneranno (voce del verbo abbisognare) di liquidi ingeribili e (possibilmente) digeribili. Questo comporterà in seguito un crollo definitivo di alcuni componenti che saranno ridotti a meri “arbre magique” guidati dalla leggera e fredda brezza stabiense.

 

La serata proseguirà con degli ottimi pizzoccheri cucinati dal mitico team dell’Oratorio, visionato dal magico Re Gurungun e dal concerto delle guggen. Sia Danny Piedi Pelosi che Zot Geberit (il Nuovo Vince Fontaine) faranno un intermezzo per allietare i presenti e presentare le Old Star Canegat capitanate dal nostro mitico Valtu Strizzabulonitt. Un gran bel momento “vintage”..

Seguiranno alcuni crolli di figuri che neanche la Borsa di Wall Street del 1929 . Insomma, rimarranno vivi o semi i piû intrepidi (forse??!!) a sollazzarsi nel tendone a “suon” di …boh..qualcosa…

Il sonno sembra aleggiare nell’aria come le scoreggie di Putzie. Ma c’è un ma. Quando tutto sembra prendere una piega da over eighty (senza offesa) e quando le ombre di the caldi, copertine e fleischkäse made in Medas sembrerebbero allungare il loro artiglio ecco sfoggiare il concerto classico serale a base di ignoranza pura sulle panchine molestando tutto e tutti.

La serata sarebbe finita anche alla una per il sottoscritto ma io, Piff detto Schumacher, Chia detta Occhio Zifolo veniamo traviati da Putzie & Francy Riso Soffiato verso la dimora regale Pellefalconi (gran bel siit) che ci appare come la terra promessa un mondo diverso dove (far) crescere ulteriormente la nostra panza. W i fusilli e il “caminosalopensato”. Ma forse Piff lo ha inteso troppo diverso questo mondo quando appoggerà con arroganza #piffarrogance i suoi calzoni sporchi, lerci,putrefatti, assuefatti sul tavolo di cucina nei pressi di arachidi e mandarini ignari dell’olezzo. Buon app Putzie& Fra. I fusilli colmeranno ogni lacuna e ci daranno la buona uscita.

L’alba del mattino è vicina. Lasciamo la dimora verso la terza ora e Piff decide di regalarci l’ultima emozione. Grazie Schumi!

Premio molestatore della serata: Filippo Pippo Doninelli (per l’aver ingurgitato sagex)

Premio inquietanza della serata: Nicola Piff (per più meriti)

Carcere a vita: Penny Chioma Apocalipse Now e Jack il Brozzo (sottoscritto) per la prestazione al tamburo (grazie al “cucciolotto” per i suggerimenti)

Frase della giornata: io so bere (I.F. detto Azur)

 


Domenica – Ligo & New Azzano

Corpi morti stesi ai tavoli, facce da tappetini sbattuti (grazie Tano per non aver commesso omicidi), the caldi, acquette, coca cola, ..Questa la scena desolante il mattino di domenica al Bar Indios dove tutto è possibile ma nulla è scontato (era bella da dire).

Alle 11 c’è un concerto tradizionale da presenziare: quello di Ligornetto. Le due fazioni (Pink Lady e TBirds capitanati da Danny Piedi Pelosi) giungono con qualche attimo di ritardo ma complici forse i rimedi adottati al bar, la nostra prestazione sonora si può dire eccellente.

Pranzo con risotto e luganiga e trasferta a Novazzano con il bus.

Il corteo già impazza con suoni, maschere, bambini, guggen e carri. Le sfide proseguono tra i due gruppi: ballerine che si disarticolano gli arti mentre i John Stravolti mostrano il loro fascino con mosse del bacino. Giungiamo nei pressi della dimora di Cindy Von Daniken Von Brockenwuerstel Ben cott dove spargiamo stupidità come letame su campo.

La salita non è troppo distante…eeeeeeeeeeeee pam! Qualche incomprensione tra sezioni ma ci riprendiamo mentre la nostra Brillantante Car sfodera due gran pezzi da novanta: Beba detto Rudol’f Nureev alla guida e Diego detto  Romolo Re di Roma (per la sua posa). Orde di meccanici e ballerine decorano i pressi dell’auto rossa con fiamme sputando coriandoli. Auré detta Spalla Destra si libera il passaggio mettendo in pratica i vecchi allenamenti di Hockey visto che tutto il cucuzzaro sembra negarci l’eden rappresentato dalla cima della salita.

Ma un ultima sfida attende l’orda di giovani: il Capanun. Recuperando tutte le forze ancora a disposizione vien sfoderato un popo’ di concerto che fa raggiungere ad ognuno il Nirvana. Beba e Cindy ci incantano con ballo sfrenato sulle note di Grease – Medley. La giornata e il weekend termina qui per la maggioranza, al grotto per uno sparuto gruppo.

Premio molestatore della giornata: Cindy Von Dani (abbr.)

Premio inquietanza della giornata: Nicola Piff (per il suo sguardo da batteria alcalina ricaricabile scarica)

Carcere a vita: Medas No Action per il The Caldo Barricato e Torbido all’Indios

Frase della giornata: #tantavogliadifitness (Jack il Brozzo, quello vero)

 

Le foto della giornata le trovate nella gallery di www.canegat.ch

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.