La Can & Gat diventa maggiorenne!

Se sai quant’è bello ciò che aspetti, è bella anche la sua attesa. (Rancore, rapper)

 

 

La lunghezza di un minuto dipende dal lato della porta del bagno da cui ti trovi. (Arthur Bloch)

 

…in attesa del fischio di inizio del carnevale 2018 ci concediamo il lusso di ben 2 aforismi! Prima prova dell’anno nella location di Ligornetto

City. Le prove iniziano ad affollarsi e il carnevale è sempre più vicino, infatti sabato è previsto il primo carnev… ah no!! Purtroppo la meteo malvagia è responsabile del posticipo della prima suonata 2018, degnamente rimpiazzata da prova+pollettoalcestello (grande comitato).

Can & Gat, lo sai che nel 2018 diventi maggiorenne?

Eppure ne hai già così tante da raccontare e sei cresciuta così tanto… Sin da piccola hai mostrato le tue caratteristiche  caratteriali come la voglia di trasgressione, basti pensare al concorso del Canegattanga che per un intero carnevale ha tenuto sotto pressione file e file di strumentisti. Il concorso si è poi evoluto negli anni fino a raggiungere il taglio di barba comunitario del 2017. Nel tuo carattere c’è il piacere di stare assieme: ricordiamo le mille cene improvvisate post prova (Aurora, ci manchi!), i canegattaperi, le trasferte alla valascia e molto altro? Un brindisi cordiale e “quaicoss par sügà sü”, anche se a giudicare dalla mole di cibo di quando si parte in trasferta il “quaicoss” è riduttivo.

 

Negli anni ne hai fatte di tutti i colori: dal mega palco di Sion alla chinoise di le noirmont, passando dai pistoni congelati alla fredda arietta del Jura e alla inaspettata suonata in chiesa a San Gallo. Pensa che il prossimo anno andrai pure al Rabadan… e stavolta non su un carro a cantare “ciapa la galina” (mistoni sempre nel <3), ma come vera guggen, con corteo del sabato, scalinata e tutto quanto!

Con capitan Pisello alla guida abbiamo visitato varie nazioni (me ne vengono in mente almeno 4, ma potrei non essere esaustiva), ogni volta partendo a orari ignobili ma sempre con l’immancabile camparino ai semafori di Stabio. In particolare ricordo Torino 2006: le prove, il coma profondissimo, l’esilarante video del Nik, ma soprattutto l’immensa emozione di suonare (in playback) in mondovisione.

Te li ricordi tutti i tormentoni del carnevale? dal Boss theme alla bandella a quelli poliglotti (Tano serial killer) a Wild rover (impossibile cantare il testo giusto)…quale sarà il prossimo?

Sei stata pirata, matita (scomodità costume=199%), figlia dei fiori, indiana, robin hood e soprattutto VICHINGA! Si, sei stata anche esercito Romano, ma come direbbe bene Asterix la disciplina non ci si addice molto… il meglio di noi lo abbiamo dato come orda barbarica, tra corni e teschi in cui bere, armi con cui lottare e urla smodate.

 

 

Hai partecipato a mille mila carnevali sempre cercando di dare il massimo e snobbando le classifiche, anche se l’unica che ti interessava era la Mangia&Bevi del riga torneo. Su questo non posso dire molto causa nebbia incombente (Grazie Zia Nez Rouge).

Nelle tue fila hanno delirato personaggi altamente fiabeschi… il buon Giamma, che quando lo avevi dietro cercavi disperatamente qualsiasi cosa da infilare nei timpani, l’Alcestruzzo, personaggio fiabesco di cui si narrano abilità particolari sulla vasca da bagno e con la tessera del carnevale, per non dimenticare “Jonathan, che nome di…”, Lindp, ecc… Il comitato ha potuto contare su collaboratori splendiderrimi, ne cito una per citarli tutti: LUI SEI SEMPRE LA MEGLIO!

Sei sopravvissuta a due maestri (e una serie di grintosi WC-Maestri) ECCEZIONALI,

Insomma… questo probabilmente è il più mestruato dei post che abbiano mai infesciato il blog,… roba che neanche il Pres sbronzello sul bus tornando dalla trasferta riesce a fare cose del genere, anche perché si salva con l’abominevole barzelletta del pinguino oppure cedendo la colonna sonora a Dany_Frozen.

 

Ma cosa fa di te una famiglia così speciale? Quel mix tra “mi sento a casa, ho bisogno di una doccia, vi amo tutti, ho voglia di suonare ma ho il labbro spaccato, non si molla, per chi ci crede”

Insomma… AUGURI Can & Gat,… e per chi ci crede, ci si vede alla chiusura di qualche capannone!

VI AMO!

Samy

(scusate se sembra un po’ l’album di famiglia ma ho avuto qualche difficoltà a reperire immagini vintage)

File allegati

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Giuseppe Quaceci ha detto:

    Complimenti 👏👏 18 anni e siamo in piena forma…alla grande

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.